Home > Prestiti cambializzati per cattivi pagatori e protestati

Prestiti cambializzati per cattivi pagatori e protestati

Nella giungla degli strumenti finanziari e dei flussi monetari ci si può trovare nella casistica di non avere i requisiti per ottenere liquidità attraverso un prestito. Per chi non avesse i requisiti per accedere al credito, magari perché iscritto nel registro dei cattivi pagatori esistono i prestiti cambializzati.

Cattivo pagatore o protestato

Il cattivo pagatore è colui che dopo aver ottenuto un credito da parte di un istituto bancario o finanziario ha una condotta irregolare nel rimborsare il debito, che consiste nel mancato pagamento di una o più rate del debito oppure il pagamento in ritardo delle rate. Il cattivo pagatore viene segnalato alla CRIF, che mantiene i dati e li mette a disposizione di tutti gli istituti bancari che ne facciano richiesta. In questo modo non viene data la possibilità al debitore di non restituire un debito e presentarsi presso un altro istituto di credito senza che il proprio comportamento possa essere segnalato.

Il protestato è colui che non ha onorato gli impegni finanziari derivanti da un titolo (assegno, cambiale, vaglia cambiario) e riceve l’invito al pagamento tramite atto pubblico da parte dell’ufficiale giudiziario incaricato dal creditore, il protesto appunto. Qualora alla presenza dell’ufficiale giudiziario il debitore non abbia la possibilità di estinguere il proprio debito, verrà iscritto dall’ufficiale giudiziario stesso presso il registro informatico dei protesti cambiari. L’iscrizione al registro informatico dei protesti cambiari rende il soggetto debitore, agli occhi degli altri soggetti, poco affidabile e inadempiente.

La cambiale

La cambiale è un titolo di credito che certifica un promessa di pagamento. In maniera descrittiva possiamo definire la cambiale come segue:

“Il Sig. Rossi in data 03/12/2016 si impegna a versare la somma di € 1.000 entro la data del 03/12/2017 a beneficio del l’Istituto di Credito Nuovo Credito 2015”

Quindi le caratteristiche della cambiale sono:

  • denominazione di cambiale (vaglia o pagherò cambiario)
  • promessa di pagamento
  • indicazione nella cambiale del nome di chi è designato a pagare
  • nome del beneficiario;
  • data emissione della cambiale;
  • data di scadenza
  • sottoscrizione
  • in mancanza di bollo o in parte la cambiale non può essere protestata

Nel caso di una somma rateizzata verranno emesse più cambiali, che dovranno essere sottoscritte al momento dell’emissione.

Per quanto detto fino ad ora la cambiale sembrerebbe un normale mezzo di pagamento delle rate di un prestito. Non è così. La cambiale offre una grande possibilità al creditore, in quanto gli consente di avviare l’esecuzione forzata sui beni del debitore. Per un approfondimento rimandiamo alla lettura di questo articolo sulla cambiale.

Prestito cambializzato: a chi è rivolto

Il prestito cambializzato, come dice la parola, è un prestito a tutti gli effetti. Quindi è una forma di finanziamento non diversa dalle altre forme di finanziamento. I richiedenti di tale prodotto sono gli utenti che hanno una necessità finanziaria imminente. I richiedenti possono avere situazioni personali estremamente differenti, per cui l’utilizzo del prestito cambializzato differisce in base alle situazioni personali. Quindi avremo:

  • Gli utenti che non sono cattivi pagatori o non hanno situazioni di protesto in essere.
  • Gli utenti che sono cattivi pagatori o hanno situazioni di protesto in essere.

Il primo gruppo utilizza il prestito cambializzato come ogni altro prodotto finanziario per cui non trova nessuna differenza sostanziale. Il secondo gruppo utilizza il prestito cambializzato come ancora di salvezza proprio perché per gli istituti finanziari il richiedente non possiede più i requisiti base per poter accedere al credito. In questo caso il prestito cambializzato può sembrare una soluzione agevole con la quale sentirsi sicuri. Pensare che il prestito cambializzato sia una forma di credito per cui l’istituto di credito non chieda garanzie è un errore. Infatti l’istituto di credito studierà la posizione del richiedente per verificare se esso ha la possibilità di rimborsare il debito. Nel caso di reddito non sufficiente, l’istituto di credito potrà chiedere garanzie accessorie, per esempio il reddito di un genitore, per garantire il credito concesso.

Vantaggi del prestito cambializzato

  • Possibilità di accedere al credito anche da parte di cattivi pagatori senza troppi ostacoli da parte dell’istituto di credito.
  • Flessibilità nella restituzione e nel rinnovo, considerando che una cambiale, qualora ci si trovasse in una situazione di scarsa liquidità può essere rinnovata, con l’applicazione di costi aggiuntivi da parte dell’istituto erogante. Andrà posta una particolare attenzione ai costi aggiuntivi, in alcuni casi particolarmente esosi.
  • Non è obbligatorio avere una busta paga, gli istituti di credito sono disposti a offrire il credito anche se non vi è una busta paga del richiedente. Sicuramente in questo caso verranno richieste garanzie accessorie ma il richiedente avrà una possibilità in più di indebitarsi.

Svantaggi del prestito cambializzato

  • La cambiale è uno strumento che mette il creditore nella posizione di poter recuperare il credito aggredendo le proprietà del debitore in maniera immediata attraverso il protesto. Quindi il non pagamento di una cambiale da parte del debitore, potrebbe portare lo stesso a vedersi protestati i propri beni.
  • Le spese accessorie legate al prestito cambializzato sono molto elevate. Infatti l’istituto di credito per tutelarsi, applicherà un maggior tasso d’interesse e un prezzo maggiorato delle spese accessorie (istruttoria, imposta di bollo) rispetto ai prestiti tradizionali.
  • Richiesta di garanzie accessorie. Infatti la cambiale non è la sola garanzia per la banca. Per vedere tutelati i propri interessi la banca chiederà garanzie accessorie, le quali possono essere sottoscrizione di un’assicurazione sulla vita, pegni, presenza di un garante. Ognuna di queste garanzie, nel caso di mancato pagamento di una cambiale potranno essere oggetto di protesto, partendo dai beni e i capitali del debitore fino a quelli dell’eventuale garante.

E, dunque, in conclusione?

Il prestito cambializzato, come detto, richiede comunque una fase istruttoria, la quale richiederà del tempo dal parte dell’istituto di credito. Quindi non ci sono differenze dal punto di vista della rapidità di erogazione. La convenienza dei prestiti cambializzati non è elevata. Infatti questi sono prestiti molto cari, in quanto l’istituto di credito, trovandosi davanti ad un richiedente insolvente deve tutelarsi applicando interessi maggiori e spese accessorie maggiorate.

Prestiti cambializzati per cattivi pagatori e protestati
5 (100%) 7 votes